Mosca, cosa vedere
I miei viaggi

Mosca: cosa vedere e dove andare nella capitale russa.

Ci sono città che non riesci a comprendere al primo sguardo ne tanto meno alla prima visita; ci sono luoghi complessi, dal passato scomodo, modellati dalla storia, quella con la S maiuscola, che lascia il segno e che riaffiora ad ogni passo. Mosca è piena di cicatrici ma fiera del suo aspetto consumato: un concentrato di passato, presente e futuro dove tutto è sovradimensionato e si muove alla velocità della luce. Mosca ha mille volti diversi, quartieri che sembrano città, palazzoni che vogliono inghiottirti. Io ho amato Mosca dal momento in cui ci ho messo piede, e in questo post vi racconto quali sono le cose da vedere assolutamente

Le cose da vedere assolutamente a Mosca.

La Piazza Rossa

La Piazza Rossa è qualcosa di unico, a tutte le ore del giorno e della notte; sembra sempre deserta anche quando è gremita di gente, grandissima, circondata da mille lucine colorate e dalle cupole colorate della chiesa di San Basilio. E’ il cuore di Mosca, un vero e proprio concentrato di storia e sede del mausoleo di Lenin, l’uomo simbolo della Russia moderna. La piazza rossa è semplicemente imperdibile! 

Mosca, Piazza Rossa, al primo posto delle cose da vedere durante un viaggio in Russia.
Mosca, Piazza Rossa, al primo posto delle cose da vedere durante un viaggio in Russia.

Il Cremlino di Mosca

Dalla Piazza Rossa potete dirigervi verso i Giardini di Alessandro e da lì entrate alla consueta visita al Cremlino. Prenotate con largo anticipo dal sito ufficiale perché non sempre i biglietti sono disponibili per il giorno stesso, specialmente per l’Armeria o per il Fondo dei Diamanti.

La moschea di Mosca

La struttura originale fu costruita nel 1904 secondo il progetto dell’architetto Nikolay Zhukov e da allora ha subito diverse ricostruzioni. La vecchia moschea venne demolita l’11 settembre 2011 e successivamente ricostruita nello stesso punto: nella decorazione sono stati utilizzati preziosi materiali di finitura, alcuni fatti arrivare persino dal Canada, mentre la cupola è ricoperta di foglie d’oro.
Arrivarci è molto semplice: basta scendere alla fermata della metropolitana “Prospekt Mira” e poi camminare per 5 – 7 minuti.

La chiesa di S. Basilio

Le sue cupole sembrano fatte di marzapane e viene quasi voglia di mangiarla, questa chiesa, piuttosto che visitarla! Voglia che, a dire il vero, ha un suo perché: onestamente la chiesa di S. Basilio è molto più bella dall’esterno che non dall’interno. La sua architettura, unica, ne fa la perfetta cartolina della città di Mosca. Imperdibile è dire poco.

Cosa vedere a Mosca
Mosca, S. Basilio.

Parco Gorkiy, il polmone verde di Mosca

Celebre parco che costeggia la Moscova, citato in romanzi e film ambientati durante la Guerra Fredda, merita tutta la fama che ha. Ampio, luminoso, curato, con spazi adibiti alla ristorazione e ai giochi per bambini, è il luogo ideale per venire a rilassarsi. A vederlo così, in una bella mattinata assolata di metà agosto, con i bambini che giocano, le persone che fanno jogging e le coppie che passeggiano, si fatica a pensare che c’è stato un tempo in cui nei suoi viali le spie si pedinavano e si scambiavano informazioni sedute sulle panchine. Era la Guerra Fredda, un altro tempo, un altro secolo, un altro mondo.
Oggi è solo, o almeno sembra, il polmone verde di Mosca!

“Wild Urbanism”: lo Zaryadye Park di Mosca

13 ettari di verde a due passi dalla Piazza Rossa e dal Cremlino: è il nuovo Zaryadye Park di Mosca, una delle attrazioni da non perdere in città. E’ il primo parco urbano a essere realizzato nella capitale dagli anni 60 ed è stato definito dagli stessi architetti come il primo vero esempio “wild urbanism”:  i paesaggi naturali si sovrappongono agli ambienti costruiti, creando una serie di sfaccettature tra il naturale e l’artificiale, l’urbano e il rurale, l’interno e l’esterno. Di sicuro impatto è il ponte panoramico sospeso sul fiume Moscova, un angolo unico da cui ammirare la bellezza della natura circostante. Da non perdere.

La metropolitana di Mosca

A detta di molti è la metropolitana più bella del mondo, sta di fatto che considerarla solo come un’infrastruttura sarebbe di certo troppo limitativo! La metropolitana di mosca è più un museo diffuso che un semplice mezzo di trasporto! Ogni fermata ha una storia, un tratto distintivo, una progettualità alle spalle. Le fermate raccontano una storia ed in questa ottica il modo migliore per visitarle è quello di prendere parte ad un tour organizzato. Senza voler fare torto a tutte le altre, questa è la mia personale Top Ten delle fermate della metro di Mosca, dalla 10 alla numero 1:

  • Ploschad Revolutsii: omaggio alla rivoluzione bolscevica del 1917. Qui si contano 76 statue in bronzo che ritraggono i protagonisti dell’epoca: soldati, contadini, marinai, operai, ingegneri e studenti;
  • Park Kultury: è la fermata che conduce al Gorky Park ed è caratterizzata da cinque diversi tipi di marmo;
  • Novokuznetskaya: al centro della sala si stagliano giganteschi lampadari in ottone e sei mosaici con motivi disegnati da Aleksandr Deineka, raffiguranti la vita quotidiana in Urss;
  • Taganskaya: d’ispirazione medievale, questa fermata pullula di archi e pilastri finemente decorati con pannelli di maiolica;
  • Slavyansky Bulvar: questa stazione è stata inaugurata nel 2008 ma rispetta i canoni estetici delle fermate più antiche. Ispirata alle opere del famoso architetto francese Hector Guimard, Slavyansky Bulvar è decorata con alberi di metallo, rami e foglie;
  • Kievskaya: decorata con bassorilievi che raccontano la storia delle relazioni tra Russia e Ucraina, dall’antichità fino alla Rivoluzione d’Ottobre del 1917;
  • Mayakovskaya: art decò allo stato puro;
  • Teatralnaya: questa stazione conduce direttamente al teatro Bolshoj, alla Piazza Rossa e al Cremlino. Pensata per sorprendere!
  • Novoslobodskaya: conosciuta per i suoi bellissimi pannelli;
  • Komsomolskaya: medaglia d’oro per questa stazione che è oggi adornata con otto pannelli a mosaico dove sono raffigurati guerrieri russi, comandanti e leader sovietici, tra cui Lenin mentre tiene un discorso in Piazza Rossa.

I musei

Mosca è una delle più apprezzate capitali culturali del mondo ed il numero dei suoi musei è sintomatico di quanto la cultura sia una delle priorità di questo paese. Perdetevi tra musei di arte contemporanea, di storia, di tecnologia e molto altro.

La galleria G.U.M.

Un tempo questo bellissimo complesso architettonico ospitava il Mercato Generale della Città. Lungo 250 metri si snodano tre ordini di gallerie arricchite da coloratissime decorazioni, tante luci, negozi occidentali e brand italiani. Affacciato sulla Piazza Rossa e moderno regno del lusso, oggi il GUM strizza l’occhiolino alle spoglie di Lenin, giusto per ricordarci com’è cambiato il Mondo e come scompaiono gli ideali!

Teatro Bol’šoj

Il mio sogno, da giovane studiosa di danza classica, era ballare al Bolshoj! Ubicato nel cuore del centro di Mosca, a pochi passi dalla Piazza Rossa, il teatro è facilmente raggiungibile in metro, linea 2, fermata Teatralnya.
Bellissimo e scenografico esternamente quanto maestoso internamente.
Gli interni del teatro sono visitabili il Martedì , Mercoledì e Giovedì con visita guidata in Inglese alle 11.30 al prezzo, non economico, di 2.000 Rubli a persona (ma il teatro merita assolutamente di essere visitato).
Assistere ad un balletto è parecchio costoso, io non l’ho fatto ma è nella mia lista, ai primissimi posti dei sogni da avverare!

cosa vedere a Mosca
Io che sogno, ad occhi aperti, di ballare al Bolshoj dal ponte sospeso sulla Moscova, Zaryadye Park di Mosca.

Se vuoi dare uno sguardo ai miei ultimi viaggi clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *