Come Lawrence d'Arabia. Wadi Rum, Giordania.
Asia,  I miei viaggi

Info pratiche per un viaggio in Giordania: costi, itinerario e contatti utili.

Non troppo lontana e non troppo grande: la Giordania è una di quelle mete perfette per un break di una settimana dalla routine quotidiana. Ma quanto costa una settimana in Giordania? Qual è il periodo migliore? Come mi sposto? Questo post è dedicato a tutte quelle info pratiche che servono per organizzare il viaggio.

Finalmente Petra
Il mio Tesoro 🙂

Come volare in Giordania.

Iniziamo subito dalle buone notizie: da fine ottobre la Ryanair inizierà ad effettuare voli low cost da Bergamo e Bologna verso Amman e da Roma Ciampino con destinazione Aqaba, punto di accesso più comodo sia per Petra che per il Mar Rosso. Un esempio? Ho fatto una simulazione di acquisto dal sito della compagnia, da Bergamo verso Amman con partenza sabato 17 novembre alle ore 06.00 a.m. (solito orario comodo!) e ritorno sabato 24 alle ore 11.35 a.m. (entrambi sono voli diretti con durata di 4 ore e 10 minuti): il costo totale a/r è di euro 132,58 alla data attuale quindi un vero affare considerando che nelle stesse date, volando con la Egyptair o con la Turkish Airlines (con scalo), il costo del biglietto supera di gran lunga le 300 euro. Parliamo sempre e comunque di una low cost quindi con tutte le limitazioni di bagaglio che conosciamo bene ma ad oggi il prezzo è davvero molto allettante e speriamo rimanga tale!

TIPS: qualora decideste di volare con la Turkish Airlines avrete diritto al 15% di sconto sul costo di acquisto del biglietto d’ingresso per Petra.

Quando andare.

La Giordania può essere visitata tutto l’anno ma i periodi migliori in assoluto sono quelli da Marzo a Maggio e da Settembre a Novembre, con temperature miti/calde e non eccessivamente afose. Durante la nostra estate preparatevi ad affrontare un gran caldo mentre nel nostro inverno non illudetevi troppo perché fa freddo anche lì e, anzi, a Petra potrebbe addirittura nevicare!

Requisiti per l’ingresso in Giordania, visto e Jordan Pass.

Per entrare nel paese è necessario il passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso; La tassa per il visto è di 40 JD (€45) per singolo ingresso o di 120 JD (€ 136) per più ingressi. Il visto è valido due settimane ma può essere prolungato presso qualsiasi stazione di polizia. Se però soggiornate in Giordania per più di 4 giorni c’è la possibilità di annullare il costo del visto acquistando il Jordan Pass, che altro non è che un pacchetto ideato per i turisti e che consente l’accesso ad oltre 40 attrazioni, Petra e Wadi Rum compresi.  Conviene acquistare il Jordan Pass? Assolutamente sì perché, se viaggiate in autonomia, il solo costo del visto sommato al costo del biglietto d’ingresso per due giorni a Petra vi verrebbe a costare 95 JD a fronte dei 75 JD del pacchetto (che include anche l’ingresso in molti altri siti). Per i viaggi di gruppo, invece, il discorso è diverso perché di fatto la tassa per il visto non si paga e a conti fatti non esiste una gran convenienza all’acquisto del pass.

Per maggiori info potete visitare la pagina ufficiale del Jordan Pass oppure leggere questo mio utilissimo post.

Itinerario

Dipende, come sempre, dal tempo che avete a disposizione. Io vi consiglio di mettere in conto almeno una settimana effettiva di viaggio (quindi escludendo i giorni degli spostamenti aerei) se volete avere la possibilità di fare un giro che possa includere Petra, Il wadi Rum, la riserva di Dana e magari una tappa sul Mar Rosso o sul Mar Morto.

Le possibilità sono davvero infinite e potete anche usare il “generatore di itinerari” messo a disposizione sul sito del Turismo della Giordania, consultabile a questo link. Se poi volete sapere l’itinerario che ho effettuato io basta scrivermi una mail e ve lo mando volentieri anche se vi consiglio di crearvene uno vostro, personalizzato in base ai vostri interessi…d’altronde questo è uno degli aspetti più belli del viaggio, che senso avrebbe copiarne uno già fatto?!

Per gli spostamenti considerate che le strade sono in buone condizioni quindi potete valutare la possibilità di noleggiare una macchina (se viaggiate in solitaria, invece, forse conviene considerare i vari transfer offerti dagli hotel o, se avete tempo a disposizione, viaggiare con i mezzi pubblici).

Costi

Inizio con il dire che la Giordania non è una meta economica e la maggior parte dei costi sono allineati a quelli italiani. Cominciamo con alcune attrazioni, così potete anche rendervi meglio conto del risparmio che si ottiene acquistando il Jordan Pass:

  • Petra, ingresso 2 giorni: 55JD;
  • Petra by night: 17 JD (non incluso nel Jordan Pass);
  • Ingresso al Wadi Rum: 5 JD (le escursioni vere e proprie hanno vari prezzi ma considerate circa 20/30 JD);
  • Jerash: 10 JD;
  • Anfiteatro di Amman: 2JD;
  • Cittadella di Amman: 3 JD;
  • Betania al di là del Giordano: 12 JD;
  • Castello di Ajlun: 3 JD;
  • Ingresso alla riserva di Dana: 6 JD (guida locale a parte);
  • Monte Nebo: 2 JD;
  • Castello di Karak: 2 JD

etc… etc… etc…
Per quanto riguarda il costo della vita sappiate che:

  • una bottiglia di acqua 50 ml: 1 JD nei posti turistici, 0,5 JD nei market;
  • un bicchierino di tè: 1 JD nei posti turistici;
  • un pranzo veloce tipo Street Food: 2/3 JD;
  • cena o pranzo al ristorante: dai 5 ai 15 JD scegliendo posti non sofisticati;
  • pernotto in hotel 2/3 stelle: dai 15 ai 30 JD a persona a notte.

Link e contatti utili.

Termino dandovi una serie di link e di contatti che potrebbero essere utili; non si tratta di una lista esaustiva, vagando sul web ne troverete di migliaia, ma questi sono quelli che ho provato e che mi sento di consigliare.

Pagina relativa alla Giordania del sito Viaggiare Sicuri: da consultare sempre prima di un viaggio 🙂

Hotel Edom, vicinissimo all’ingresso per Petra (ci si arriva a piedi senza aspettare navette);

Amman Pasha Hotel, non certo di lusso ma in centro e dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, carina anche la terrazza all’ultimo piano;

Dana Tower Hotel, da segnalare per le camere davvero suggestive e l’ottima ristorazione;

Pilgrim’s Guest House, a Madaba, praticamente accanto alla chiesa di S. Giorgio. E’ più un ostello che un hotel, senza fronzoli ma dall’atmosfera familiare;

Shaher Zayadneh, guida turistica autorizzata, parla benissimo l’italiano, contattabile via mail (Shaherzayadneh@gmail.com), Whatsapp (00962-777592772) o tramite canali social (ha anche la pagina fb Jordan Tourist Guide – Fixer -Driver);

Raaed Petraegle, giovane ragazzo beduino che vive a Petra, vi accompagnerà tra i vari percorsi, anche quelli poco conosciuti, per una giornata fuori dai soliti schemi (cercatelo su faccialibro);

Link ai viaggi in Giordania organizzati da Avventure nel Mondo (nel caso optaste per un viaggio di gruppo);
…e infine non perdetevi il mio post sui luoghi visitati!
Buona strada, enjoy Jordan 🙂

Questo slideshow richiede JavaScript.

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *