viaggiare in gruppo
Consigli di viaggio

Compagni di viaggio cercasi: 10 comandamenti per viaggiare in gruppo.

Viaggiare in gruppo è come una partita a scacchi: se decidi di sederti al tavolo da gioco devi conoscerne le regole.

“Viaggiare in gruppo” ha i suoi comandamenti.

Ti sei finalmente deciso a provare questo tipo di esperienza? Molto bene, ora non ti resta che scoprire alcune regole fondamentali per viaggiare in gruppo senza ricevere brutte sorprese; prima, però, devi familiarizzare con lui, il deux ex machina di ogni viaggio organizzato, questa strana entità che chiameremo semplicemente “Gruppo”

viaggiare in gruppo
Incredibile India, novembre 2017

Vi presento il Gruppo.

Il Gruppo è una strana creatura formata, per definizione, da due o più persone che perseguono un fine comune (rappresentato, in questo caso, dal viaggio).

Ma cosa fa, in pratica, questo gruppo? L’influencer! Il Gruppo influenza, persuade, contagia e convince; è un trascinatore ed anche un dominatore. Il Gruppo potrebbe esercitare una tale pressione sui singoli viaggiatori da alterarne percezioni, opinioni, atteggiamenti e comportamenti. 

Il Gruppo è la Ferragni di tutti i viaggi organizzati!

Se vuoi andare d’accordo col Gruppo e vivere così un’esperienza indimenticabile, dovrai seguire questi 10 Comandamenti semiseri.

viaggiare in gruppo
Vietnam, in gruppo nel treno frigorifero! Indovinate quale sono? Vietnam, aprile 2017.

I dieci Comandamenti semiseri 

1. Non prenderti troppo sul serio.

Se non giochi più e ti prendi sempre troppo sul serio, non stai dimostrando di essere un adulto ma solo un pedante. Il Gruppo ha bisogno anche di leggerezza, giovialità, gioia e ironia. 

2. Sii sempre puntuale.

Il gruppo è come un professore universitario: al massimo ti perdona i canonici 15 minuti di ritardo ma è inflessibile quando li superi! Se ti presenti all’appuntamento al 16° minuto, oltre ad avvertire la lama tagliente degli sguardi penetranti dei tuoi compagni, ti assicuro che udirai queste precise parole provenire da un angolo lontano “Ecco, è arrivato quello che stasera pagherà da bere a tutti!”. Non provare, anche solo per un istante, a ribellarti; se c’è una persona che il gruppo odia più del ritardatario, questa è proprio il tirchio. 

viaggiare in gruppo
Alla salute di chi arriva tardi! Zambia, agosto 2016.

3. Di’ la verità. 

Non mentire al Gruppo, mai! Il Gruppo ha molti talenti e uno di questi è il fiuto per le bugie. Una volta che avranno perso fiducia in te sarà impossibile recuperare.

4. Non fare il personaggio.

Il Gruppo adora i personaggi, gli istrionici, quelli fuori dal normale e sempre imprevedibili. Ma personaggi si nasce, non si diventa: se tenti solo di impressionare gli altri con comportamenti strambi che non ti appartengono, il Gruppo lo noterà e non ne sarà molto felice. C’è un enorme differenza tra essere un personaggio ed essere una caricatura

5. Non parlare troppo.

Amico logorroico che stai leggendo questo post, voglio svelarti un piccolo segreto: il Gruppo ama il silenzio. Ci sono molte occasioni che dovresti cogliere per restare muto; un tramonto, ad esempio, o un lungo viaggio in auto potrebbero fare proprio al caso tuo!

In molti casi è difficile, per il parlatore seriale, capire quanto grave e in bilico sia la sua posizione all’interno del Gruppo; in simili circostanze io suggerisco di fare la prova della sedia: se una sera, a cena, ti accorgi che tutti tergiversano prima di sedersi a tavola, è il momento di fare questo test. Prendi l’iniziativa ed accomodati tu per primo; se a quel punto tutti gli altri prendono posto stando bene attenti a sedersi il più lontano possibile da te, vuol dire che sei in reale pericolo. Osserva tre giorni di silenzio e forse le cose andranno meglio.

Viaggiare in gruppo
Questo è uno di quei momenti dove il silenzio vale più di mille parole. Giordania, marzo 2018.

6. Sii generoso.

In viaggio, come anche nella vita, la generosità paga sempre. Viaggiare in gruppo vuol dire anche mettersi a disposizione del prossimo, aiutarsi a vicenda, tendere una mano ad una persona in difficoltà. Se viaggi solo per te stesso il Gruppo ti odierà. 

7. Ascolta prima di parlare.

Il Gruppo isola gli ego-riferiti. Parlare solo di te, ventiquattro ore al giorno, senza mai avere la curiosità di conoscere il tuo interlocutore, è il migliore degli autogol. Lascia che ti dica una cosa: ti hanno mai detto che non sei un argomento così tanto interessante? Il Gruppo lo farà, fidati!

8. Non entrare in sfida.

Ti sei iscritto ad un viaggio di gruppo pensando che fosse qualcosa di simile ad “Amici” di Maria De Filippi? Eh no, hai proprio preso un abbaglio! Il Gruppo odia la competizione e sarà infastidito dal tuo esibizionismo. Pentiti.

viaggiare in gruppo
Viaggio di gruppo in Cambogia, dicembre 2016. Nessun nuotatore solitario all’orizzonte.

9. Non russare, se puoi.

Lo so, non è colpa tua, ma esistono tanti rimedi al giorno d’oggi! Cerotti, medicinali di vario tipo, ipnosi; fai qualcosa, ti prego: il Gruppo diventa isterico quando non dorme abbastanza.

10. Regala un sorriso, ogni giorno.

Tra le cose belle del viaggiare in gruppo c’è la possibilità di svegliarsi e regalare un sorriso alla persona che hai di fronte; sembra la cosa più normale del mondo ma non lo è: sono tempi duri questi, la gentilezza è una dote rara e regalare un sorriso sarà la nostra rivoluzione!

Be different, be Much More!

viaggiare in gruppo
Viaggiare in gruppo vuol dire navigare insieme: devi essere parte della crew per goderti il viaggio. Mozambico, agosto 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *