Yin Yoga cos'è e quali benefici
Yoga

Yin Yoga, una dolce rivoluzione. Cos’è e perché praticarlo.

Yin Yoga? Hatha? Iyengar? Ashtanga? Oggi ci sono così tanti tipi diversi di yoga che può essere difficile capire da dove iniziare e quale stile può essere adatto alle nostre esigenze. Lo Yin Yoga, tuttavia, rappresenta una vera eccezione, visto che ha delle peculiarità che lo rendono diverso da tutti gli altri. Difficile confonderlo dunque, ma di cosa si tratta? Ecco tutto quello che devi sapere.

Che cos’è lo Yin Yoga.

Cos'è lo Yin Yoga
Yin Yoga, la rivoluzione dolce.

Lo Yin Yoga è una pratica molto lenta che ha lo scopo di rilassare e calmare sia il corpo che la mente, lavorando per l’appunto sulla nostra parte Yin. Durante la pratica, le posizioni vengono tenute per un tempo piuttosto lungo, che va generalmente da 3 a 5 o più minuti, ed il proposito è proprio quello di lasciare andare le tensioni, sia fisiche che mentali.

Di conseguenza, nello Yin Yoga si lavora meno sull’attivazione della muscolatura e maggiormente sull’allungamento e sulle posture.

Cosa significa Yin Yoga?

Per comprendere lo Yin Yoga è importante conoscere i concetti di Yin e Yang.

Yin e Yang sono due forze opposte e complementari, che sono presenti in natura ma anche nel nostro corpo e nella nostra mente. Lo Yin è il principio femminile e rappresenta l’intuizione, la profondità, l’ombra, l’immobilità, mentre Yang è il principio maschile, che rappresenta la ragione, l’altezza, la luce, la mobilità. Concetti opposti dunque ma che dovrebbero essere complementari ed in equilibrio.

Nello yoga è possibile vedere questa differenza nei diversi stili: l’Ashtanga è Yang per eccellenza, l’Hatha può essere entrambi mentre lo Yin… bhè, non credo ci possano essere dubbi!

Come praticare Yin Yoga.

Lo Yin Yoga si basa su tre principi fondamentali:

  • essere consapevoli dei propri limiti e rispettarli. Assumere pose che arrechino dolore o tensione non solo non serve a nulla ma, anzi, potrebbe rivelarsi controproducente. Bisogna concedersi il giusto tempo per dare modo ai tessuti di rilassarsi;
  • trovare la giusta intensità. Quando si comincia ad avvertire una minima resistenza, quello è il momento giusto per fermarsi: il vostro corpo, poi, si regolerà da solo. Andare oltre sarebbe solo “ego” (un aspetto che ha davvero poco a che fare con lo Yoga, non trovate?!);
  • restare fermi. Mantenere a lungo la posizione, rimanendo immobili, è l’aspetto più importante ed è anche un ottimo esercizio mentale. Il difficile è restare concentrati, evitando il flusso dei pensieri che vanno dalla lista della spesa alla scadenza dell’assicurazione della macchina. “Qui e ora”: questo lo scopo.

I benefici dello Yin Yoga.

Benefici fisici.

Mantenere le posture a lungo stimola il tessuto connettivo ed aumenta la mobilità articolare, migliorando l’elasticità e la flessibilità del corpo. Attenzione, quindi, a non confondere lo Yin Yoga con una pratica di completo rilassamento o meditazione: il lavoro c’è ma è spostato sui tessuti più profondi, quelli che spesso trascuriamo.

Benefici energetici.

Le asana dello Yin Yoga sono concepite per migliorare il flusso energetico, l’energia sottile che, secondo la medicina tradizionale cinese, scorre attraverso i meridiani presenti nel corpo.

Benefici mentali.

Yin Yoga benefici
Yin e Yang: trova l’equilibrio.

Chi di voi riesce a stare fermo per oltre 20 secondi alzi la mano! La verità è che non siamo più abituati all’immobilità, corriamo come schegge impazzite tutto il giorno rincorrendo ciò che la società moderna esalta ed ammira: velocità, movimento, azione, controllo, produzione, consumo (tutto quello che è yang, in altre parole!).

Nello Yin Yoga ci concediamo la possibilità di essere senza dover fare, un’occasione per trovare la calma in mezzo alle vicissitudini quotidiane riducendo ansia e stress.

Dove praticare Yin Yoga.

Molti studi hanno ormai introdotto lo Yin tra le proprie classi regolari e, visto il grande successo che sta ottenendo, presumo che ben presto sarà difficile non trovarlo praticamente dappertutto. Vi basterà solo scegliere il vostro studio e attivare la vostra parte Yin, rimanendo lì, immobili: il resto verrà da sé.

Consigliato a chi…

Una delle cose più belle dello Yin Yoga è che è veramente adatto a tutti: in questa pratica non adattiamo il nostro corpo alle posture, bensì il contrario. Lo Yin è particolarmente consigliato a chi pratica gli stili di Yoga più Yang, come l’Ashtanga, ed è indicato prima di andare a letto, durante i cambi di stagione o in periodi particolarmente stressanti.

Per chi, invece, è completamente digiuno di Yoga, iniziare dallo Yin potrebbe essere fuorviante: una lezione di Hatha o di Vinyasa renderebbe meglio l’idea.

Yin Yoga
Lo Yin Yoga è adatto a tutti.

E voi avete mai provato lo Yin Yoga? Fatemelo sapere nei commenti, non vedo l’ora di leggervi!

Se invece foste più interessati all’Ashtanga, scopri due Shala molto speciali: una in India e l’altra in Indonesia.

Namasté.

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *